Davide Calandra

 Davide Calandra - Acceglio 1799 - Torino 8 marzo 1865

Questa è una storia che affonda le sue radici nel XIX secolo.

Vogliamo parlarvi di Davide Calandra, cittadino di Acceglio, e di 
quanto risulta dal suo testamento, cioè la sua volontà di investire in CULTURA, scolarità e benessere. Volle fortemente, (e vennero poi costruiti) 4 edifici scolastici a Borgo Villa, Chialvetta, Villaro e Chiappera

L’edificio di Borgo VIlla, ora sede del Municipio, era molto più grande delle altre 3 scuole, perché fra le sue volontà vi era quella di istituire una scuola di Ginnasio e Liceo, onde far studiare Filosofia.

 

Inoltre, sempre nel testamento, troviamo la volontà di istituire una condotta Medico Chirurgica gratuita per tutta
la popolazione di Acceglio
 e l'apertura di una farmacia con l'obbligo di mantenerla sempre ben provvista dei necessari medicinali di prima qualità.

Tali opere sarebbero state realizzate attraverso la conversione
dell'intero patrimonio di Davide Calandra in un'Opera di Beneficenza
destinata alla realizzazione ed alla  gestione delle sue volontà testamentarie.

 

Di seguito un breve estratto del testamento. Il documento completo è visionabile e scaricabile in questa pagina nella sezione Documenti. 

DOCUMENTI

“Questo documento sottostante è la richiesta fatta agli organi competenti da parte del presidente di all’ora dell’Opera Pia Calandra, Sig. Giovanni Battista Rejneri, per poter accedere ai capitali depositati e per poter forzare di qualche anno le
disposizioni testamentarie del Donatore. Questa richiesta è stata fatta a fine anni 1920, quando l’Italia era in ginocchio, sia per colpa della prima guerra mondiale, sia dalla terribile crisi economica del ’29. è un documento eccezionale che merita di essere letto…” (Costanzo Ponza) 
 

Testamento di me sottoscritto Davide  CALANDRA fu Davide  nato  in Acceglio  e domiciliato in Torino.

 

Fu sempre vivo in me il desiderio di poter contribuire al progresso morale ed intellettuale di quella  parte dei miei concittadini la quale abita  luoghi  in cui ebbi  la vita, ma per la scarsità  delle  mie sostanze non essendo in grado di poter raggiungere in modo soddisfacente ed immediato un tale mio scopo lungi dal rinunciarvi, pensai ad una combinazione che lo rendesse possibile.

 

Il bene che io intendo di fare non si sentirà  che in un’epoca molto  lontana, ma colla esatta esecuzione della mia volontà, il bene sarà fatto  in modo adeguato, ed i nostri pronipoti ne sentiranno un vero ed efficace  vantaggio.
 

Ecco le ragioni  delle  seguenti mie disposizioni che spero saranno
dai miei concittadini apprezzate curandone coll'attiva e paziente loro cooperazione la attuazione, ed in tal fiducia, ordino quanto segue:
 

  • 1 . Voglio che tutto il mio patrimonio sia convertito in una
    Opera di Beneficenza” che io istituisco col presente mio Testamento nel “Comune di Acceglio”, destinata (tale opera
    che io chiamo in mia universale erede), al precipuo scopo di procurare la istruzione elementare gratuita a tutta  la popolazione del detto Comune al mezzo di quei maestri debitamente patentati che si ravviseranno necessari.
    L’Opera suddetta prenderà il nome di
    ISTITUZIONE DI BENEFICENZA PER LA ISTRUZIONE  GRATUITA DELLA POPOLAZIONE DEL COMUNE DI ACCEGLIO”.
     

  • 11. Dopo che si sarà provveduto senza alcuna parsimonia all'insegnamento elementare di tutto il Comune, nel ché
    dovrà  la Giunta  d’Amministrazione procedere in modo, che 
    di un tale beneficio abbiano a partecipare tanto i maschi  
    che le femmine
    potrà altresì stabilire  nel Capoluogo, (se lo crederà conveniente ed attuabile)  le tre grammatiche e le due  rettoriche, ossia il corso  completo per abilitare i giovani a prendere gli esami  di filosofia e successivamente ancora di mano  in mano  che si presenterà la possibilità potrà, ove lo
    creda utile, stabilire  nel Comune medesimo tutte quelle
    altre scuole che ravviserà atte  a promuovere e attivare
    il progressivo svolgimento intellettuale di tutta la popolazione di detto Comune
    .
     

  • 14. Tutto il fondo che rimarrà disponibile sui redditi  di quest’Opera dopo avere  provvisto tutto quanto sopra,
    voglio ed ordino che il medesimo venga impiegato a
    beneficio dei giovani  che intendono progredire negli
    studi
    , salvo le eccezioni specificate provvedendo ai medesimi
    a tutte indistintamente le spese necessarie di qualunque genere esse siano sino al compimento della carriera
     che avranno abbracciata con dichiarazione che per le carriere
    nelle quali si debba fare un tirocinio, una pratica, od un volontariato le medesimo non si intenderanno compiute se non quando avranno avuto termine il tirocinio,  la pratica  o il volontariato.
     

  • 16. Voglio che i giovani, i quali aspireranno a godere di quest’Istituzione, siano assoggettati ad un esame di concorso
    e siano ammessi quelli i quali in detto esame saranno riconosciuti idonei
    , ed avranno dato il miglior saggio dei loro talenti, e dei loro studi.  Allo stesso concorso poi non saranno ammessi se non i giovani nati e domiciliati nel Comune di Acceglio, in difetto di questi giovani di ristretta fortuna nati in
    tutti quei Comuni del nostro Stato, i quali Comuni verranno
    volta per volta che ne sarà il caso designati dalla Giunta Amministratrice.

Indirizzo della Fondazione
Borgo Villa, 1 - 12021 Acceglio (CN)

email: fondazioneacceglio@gmail.com

C. F./P. Iva: 96087510044

seguici su

  • White Facebook Icon